management control in fides reality

“Misura ciò che è misurabile e rendi misurabile ciò che non lo è.” (Galileo Galilei)

Una citazione di Galileo come questa rende immediata l’idea di ciò che si intende quando parliamo di “misurare”: scoprire la verità.
Cosa significa misurare all’interno di un’azienda?
“Analizzare”, “numerare”, “controllare”: termini tecnici ma che hanno come significato comune l’obiettivo di fare una fotografia della realtà. Vedere e capire ciò che succede prima, durante e dopo il ciclo di produzione è cosa possibile grazie al Controllo di gestione.

Cos’è il controllo di gestione?

Oggi in un’azienda l’intuito, l’esperienza e il senso di responsabilità, sono requisiti necessari ma non più sufficienti.
Per governare la complessità interna e l’incertezza esterna è necessario conoscere costantemente l’effettivo stato delle performance attraverso un sistema di controllo di gestione opportunamente calato nella singola realtà aziendale.
Il controllo di gestione è una modalità operativa volta a guidare l’azienda verso il conseguimento degli obiettivi fissati in sede di pianificazione, proponendo dei report e dei dati con cui si analizza l’andamento aziendale.
Portare alla luce eventuali aree di criticità così come motivi di orgoglio per un’azienda, è quello di cui essa stessa si nutre per evolvere sul mercato ed essere sempre più competitiva.
Tutto ciò si fonda sulla coordinazione dei vari settori dell’azienda, con l’intento di governare l’efficienza e l’efficacia operativa dei processi e di tenere sotto controllo la redditività dei prodotti e delle vendite.
Il Controllo di gestione in Fides è essenziale come motore di azioni e di crescita continua.

Pasquale è il rappresentante di questa importante realtà all’interno della famiglia Fides. Egli si occupa anche degli acquisti, delle trasferte e della logistica, essendo inoltre Data protection officer ( privacy) e responsabile della sicurezza per Fides.
Grazie alla sua indole riesce a settorializzare tutto ciò di cui si occupa, facendo un controllo di gestione prima di tutto su se stesso e sulla propria figura lavorativa.

Controllo di gestione: come funziona in Fides?

Pasquale: “Il controllo di gestione è interessante in un’azienda come Fides che si divide tra diverse business unit: dall’offrire servizi di consulenza, alla realizzazione di progetti all’interno dei propri delivery center fino alle attività realizzate nell’innovation lab.
Il controllo di gestione che viene fatto in azienda si applica alle diverse sedi operative cercando di ottimizzare tutte le business unit implementando la collaborazione tra reparti per efficientare sia i processi che margini.
Come Controller aziendale cerco di avere più informazioni possibili su tutti gli aspetti e le attività, ringrazio i colleghi di tutti i reparti che sono sempre disponibili e collaborativi. Senza il lavoro di squadra nessun singolo può risultare vincente”.

Come si fa il controllo di gestione: qualche esempio pratico

Pasquale: “Potrebbe capitare che analizzando i dati di alcune attività risulti necessario adottare misure correttive. Questo può significare in alcuni casi investire nella formazione delle risorse in organico per allocarle su attività diverse, creando nuove possibilità di crescita anche per le risorse stesse.
Un altro aspetto che seguo è quello della creazione di processi interni atti a semplificare ed ottimizzare il lavoro di tutti.
Un esempio può essere quello di un processo ideato per la fase di inserimento di una nuova risorsa in organico.
Quando la risorsa è allocata dalle nostre sales manager, si esegue una precisa procedura che agevola il lavoro dell’amministrazione per l’iter successivo di assunzione fatturazione e tutte le altre fasi necessarie”.

Quali strumenti utilizzi?

Pasquale:”Tra i sistemi utilizzati vi è GPG un gestionale realizzato ad hoc tramite il quale riusciamo ad avere dei parametri su cui poi fare delle previsioni e che viene adattato costantemente alle esigenze che si presentano, riuscendo a ricavare di volta in volta analisi sempre più dettagliate.
Insieme a Salesforce, uno dei CRM più funzionali per la gestione dell’area commerciale, sono gli strumenti che ci permettono di pianificare strategie e prendere decisioni”.

E’ cambiato il modo di lavorare in questo periodo storico?

Pasquale: “Le attività sono le stesse, tranne le trasferte che per ovvie ragioni sono del tutto ferme. Sfrutto questo tempo per sviluppare nuove soluzioni e rendere l’azienda più funzionale”.