la-gestione-del-personale

“Nulla è più importante dell’assumere e formare le risorse umane. Perché alla fine della giornata tu scommetti sulle persone, non sulle strategie!” (Lawrence Bossidy, ex CEO di General Electrics)

La gestione delle risorse umane è l’insieme delle procedure e dei sistemi applicati all’interno di un’azienda per organizzare le prestazioni del personale e trarne i maggiori benefici.

Amministrare il capitale umano in modo efficace ed efficiente è, non solo di supporto, ma anche di fondamentale importanza in termini di investimento per il raggiungimento di traguardi e obiettivi aziendali. I rapporti biunivoci tra amministrazione e personale creano la vera rete di stabilità su cui si fonda l’organizzazione e la forza di un’azienda, che come tale deve assicurarsi una continuità nel tempo.

Quali sono le attività principali di cui si occupa la gestione del personale?

Predisporre, in azienda, un efficiente apparato organizzativo è essenziale, la gestione del personale non è una delle attività dell’azienda, ma è la principale attività.

“Bisogna sempre ricordare che gli esseri umani non sono il mezzo per il vostro fine, ma sono il fine stesso!” (Immanuel Kant, filosofo)

Gli addetti alla gestione personale possiedono un’agenda colma di impegni che devono essere gestiti bene per evitare sviste o mancanze.
Lorena e Giuseppe formano un vero e proprio team in Fides che viaggia secondo principi ben precisi e di alto valore. La loro collaborazione e le loro competenze tecniche hanno permesso di apportare valore, non solo nella loro attività, ma in tutta l’azienda. Garantendo una gestione precisa e attenta hanno permesso la formazione di un gruppo di lavoro tendente al miglioramento continuo.

Quali sono i valori che non possono essere trascurati?

Giuseppe: “L’umanità. Il rapporto umano è alla base di tutto, il nostro ruolo è quello di comunicare con chiarezza per evitare incomprensioni. Talvolta possono insorgere disguidi o fraintendimenti con gli altri dipendenti e bisogna sempre essere diplomatici e mantenere la calma. Questo è un aspetto fondamentale del nostro lavoro.”

Lorena: “Oltre ad essere pienamente d’accordo con Giuseppe, vorrei aggiungere che il primo esempio di umanità nella nostra realtà lo abbiamo da Umberto, Fondatore e CEO di Fides, che ha sempre orientato l’azienda alla famiglia e incentrato la sua mission sull’umanità ponendo in primo piano l’essere umano con il suo stesso atteggiamento. Quando ci confrontiamo con i colleghi non ci poniamo mai ad un livello superiore, ma con coerenza e trasparenza interagiamo con ogni membro dell’azienda con empatia.

Quali sono le cose da evitare?

Giuseppe: “Evitare di farsi trovare impreparati. Essere sempre disponibili, pronti ed efficienti per soddisfare le richieste di tutto il personale lasciando sempre fuori la sfera emotiva. Non farsi mai prendere dal panico per le richieste che riceviamo. Il nostro è un lavoro molto delicato, ma noi abbiamo sempre cercato di dare per primi l’esempio in termini di comportamento e di fare chiarezza sulle situazioni che si sono presentate.” 

Com’è cambiato il vostro lavoro in questo periodo?

Lorena: “Ci allineiamo costantemente con tutta l’amministrazione per restare aggiornati su tutto come se fossimo in ufficio. Con i colleghi degli altri reparti abbiamo notato che bisogna essere ancora più umani di prima. In questo periodo in cui manca il contatto fisico bisogna sempre di più “mettersi nei panni degli altri” e riuscire a comunicare in maniera empatica ha una valenza ancora più forte. Inoltre Fides è un’azienda dinamica in continuo cambiamento anche per quanto riguarda il rinnovamento del personale e neppure in questo periodo difficile ci siamo fermati continuando a lavorare secondo i valori e la mission della nostra azienda.”

“In questo periodo di Smart Working abbiamo rilevato un dato significativo – aggiunge Giuseppe – grazie al lavoro da casa tutto il personale sta lavorando in sicurezza e di conseguenza vi è una riduzione delle richieste dei giorni di malattia che sono diminuiti del 73%. Dal punto di vista dell’efficienza e dell’efficacia il nostro organico è migliorato. Oltre le malattie, in netta riduzione ci sono anche i giorni di ferie e le ore di permessi richiesti, che contribuiscono all’aumento della produttività aziendale.
Questi dati emersi, ci consentono di fare delle riflessioni sull’efficacia dello Smart Working: ogni risorsa non avendo vincoli di orario può organizzare la propria giornata senza sacrificare il lavoro, riuscendo ad essere attivi e concentrati e a portare a termine gli obiettivi prefissati.
E’ importante però sottolineare che il dato confortante del miglioramento delle performance generali delle risorse è un po’ “offuscato” dal mutamento del mercato, tuttavia, resta uno spunto di riflessione molto significativo”.